venerdì 8 dicembre 2017

“L’uomo del labirinto” di Donato Carrisi

L’UOMO DEL LABIRINTO
di Donato Carrisi
LONGANESI
Samantha Andretti frequenta la seconda media, è una ragazzina come tante. La mattina del 23 febbraio esce da casa prima del solito per andare a scuola.
E’ particolarmente emozionata perché Tony Baretta, il ragazzo più popolare della scuola, il giorno prima le ha fatto sapere che vuole parlarle.

Samantha però non riuscirà mai a parlare con il ragazzo perché il destino le ha riservato un brutta sorpresa mettendo sulla sua strada un coniglio con gli occhi a forma di cuore.

Quindici anni dopo una telefonata anonima avverte la polizia che una donna ferita e nuda sta vagando nella palude. La donna ha 28 anni. Samantha Andretti è riuscita a sfuggire, non si sa come, al suo aguzzino dopo una lunghissima prigionia.

Quindici anni senza notizie, senza un indizio, una speranza. Quindici anni di silenzio. Un incubo lunghissimo, che si è concluso in modo felice e inaspettato.

Donato Carrisi, a pochi giorni dall’uscita del film evento dell’anno tratto da uno dei suoi successi “La ragazza della nebbia”, ci regala un nuovo ed avvincente romanzo.

Non sono un’appassionata di thriller eppure ogni volta che inizio un romanzo di Carrisi non riesco a non leggerlo d’un fiato.
E’ successo per i precedenti libri ed è accaduto anche in questa occasione: ho letto “L’uomo del labirinto” in nemmeno due giorni!

La scrittura di Carrisi è una scrittura asciutta, semplice e fluida.
Il lettore vede scorrere le immagini dinnanzi a sé, pagina dopo pagina, come se un film scorresse davanti ai propri occhi ed è proprio questo uno dei punti di forza dei romanzi di Carrisi: una scrittura cinematografica.

Questo elemento però da solo ovviamente non è sufficiente a rendere i libri di Carrisi dei bestseller internazionali.
Cosa c’è quindi di così seducente ed accattivante nei suoi romanzi?

Ci sono storie cariche di suspense e ben congeniate, ma soprattutto ci sono protagonisti indimenticabili e la magistrale capacità dell’autore di tracciarne un profilo psicologico perfetto, dettagliato e sempre verosimile.

Ne “L’uomo del labirinto” due sono i personaggi che cercano di incastrare il mostro: il dottor Green, un profiler dai metodi di indagine non molto ortodossi, ma dall’ottima reputazione e Bruno Genko, un talentuoso detective privato.

Bruno Genko è un personaggio affascinate e capace di creare una forte empatia con il lettore.
L’immagine di sé che egli mostra al mondo esterno è una maschera utile per riuscire al meglio nel proprio lavoro, ma nulla più. Egli è tutt'altra persona da quella che gli altri conoscono.

Nulla è mai come sembra nei romanzi di Donato Carrisi.
Ne “L’uomo del labirinto” l’ordine è sovvertito, non esistono certezze; persino il clima è impazzito e sullo sfondo c’è un’estate torrida e apocalittica, dove il ritmo della vita è stato capovolto: gli uffici aprono la notte e la gente riposa durante il giorno.

Sin dall’inizio si avverte che qualcosa non funziona, che alcuni personaggi nascondono qualcosa di particolarmente inquietante.

Il mostro non sa mai di esserlo, egli non si riconosce come tale. Il mostro è sempre qualcuno organizzato, socialmente integrato e per questo è insospettabile.

Il lettore, forse messo in guardia dalla lettura dei romanzi precedenti, è costantemente in allarme, attento a cercare di interpretare i segnali e gli indizi che l’autore lascia a tratti intravedere.

Per quanto però attento egli possa essere, il finale gli riserverà comunque delle sorprese che non gli permetteranno di archiviare la storia una volta terminata la lettura.

Non esiste il crimine perfetto, esiste solo l’indagine imperfetta e, proprio per questo motivo, vi ritroverete per molto tempo ancora a ritornare con la mente su alcuni passaggi del romanzo.
Vi domanderete spesso come possa essere accaduto che vi siano sfuggiti alcuni particolari e vi interrogherete a lungo sullo sviluppo della storia: presentava forse qualche crepa?

Vi avverto, non sarà facile uscire dal labirinto…





sabato 2 dicembre 2017

“Il giglio di fuoco” di Vic Echegoyen

IL GIGLIO DI FUOCO
di Vic Echegoyen
SONZOGNO
Vic Echegoyen è nata a Madrid nel 1969, figlia d’arte, vive tra Bruxelles, Vienna e l’Ungheria.
“Il giglio di fuoco” (titolo originale dell’opera “El lirio de fuego”) è il suo primo romanzo.

La storia è ambientata in Francia e Inghilterra tra la fine del Cinquecento e l’inizio del Seicento.
Il cardinale Richelieu incarica Léon Bouthillier di una missione alquanto rischiosa.
Il giovane dovrà recarsi nel territorio nemico e più precisamente in Borgogna per eliminare una donna molto pericolosa, una spia capace di sfuggire ai più stretti controlli.
Ma chi è in realtà questa donna affascinante, imprevedibile, intelligente e colta, che era stata ripudiata da bambina dai genitori e marchiata a fuoco dalla Santa Inquisizione?
E’ un’avvenente avventuriera, conosciuta con molti nomi, in grado di conquistare e far tremare sia la corte francese che quella inglese, capace di legare a sé uomini potenti come il cardinale Richelieu e affascinanti come il duca di Buckingham.

Tutti i personaggi del romanzo ad eccezione della protagonista e di Quentin Carlisle sono realmente esiti così come gli eventi storici che fanno da sfondo alla storia nata dalla penna di Vic Echegoyen sono realmente accaduti.

Da sottolineare in particolare la presenza di un personaggio oltremodo intrigante e affascinante, quello di Isabelle du Plessis, la “sorella maledetta” e dimenticata del potente cardinale Richelieu che può riemergere tra queste pagine da un oblio durato ben trecento anni grazie alle opere degli storici Maxime Deloche e Roland Mousnier che ne hanno recuperato la memoria.

La storia del romanzo non segue un rigoroso ordine cronologico.
Le vicende sono raccontate in prima persona dagli stessi personaggi e spesso il racconto si intreccia e si sovrappone, tornando spesso indietro nel tempo.
Seguire la narrazione, specialmente se si deve abbandonare la lettura del romanzo per qualche giorno, non è impresa sempre facilissima, ma allo stesso tempo questa tecnica di scrittura ci permette di entrare meglio in sintonia con i singoli personaggi e osservare lo svolgersi degli eventi da ogni prospettiva e punto di vista.

La personalità di Isabelle Louise Pidoux, Lady Lily Carlisle, madame de Ferté o comunque scegliate di chiamare la protagonista di questo romanzo assume ogni volta diverse sfaccettature; la sua indole e gli elementi distintivi che caratterizzano la sua personalità variano infatti a seconda dell’esperienza del personaggio che ne racconta la storia.

Lo stesso lettore si trova a cambiare continuamente opinione su Lise Pidoux: dapprima stupito dinnanzi ad una bambina desiderosa di imparare la scienza medica, poi scosso dall’idea che una ragazzina possa aver volontariamente ucciso una persona, affascinato subito dopo dall’ostinazione della stessa e poi nuovamente stregato dalla capacità della donna di risollevarsi dalle situazioni più avverse ed impreviste.

“Il giglio di fuoco” deve molto ad un’opera come “I tre moschettieri” di Alexandre Dumas padre e il personaggio di Lise Pidoux è senza dubbio liberamente ispirato a Milady.

Proprio come Milady de “I tre Moschettieri”, la protagonista del romanzo della Echegoyen è un personaggio controverso e sfuggente.

Isabelle Louise Pidoux è indubbiamente colpevole di avvelenamento, spionaggio, impostura, omicidio e tradimento e di una serie di altri reati minori, ma coloro che  vogliono la sua condanna non sono forse loro stessi complici dei suoi crimini?

Se avete amato “I tre moschettieri”, “Il giglio di fuoco” è una lettura da non perdere e, se poi siete tra coloro che non sono mai riusciti a condannare interamente Milady, la storia di Lise Pidoux l’avventuriera senza scrupoli, fredda e calcolatrice, ma allo stesso tempo impulsiva e capace di slanci emotivi improvvisi ed inaspettati, vi conquisterà completamente.






domenica 5 novembre 2017

“Conversazioni all’ora del tè” di Jerome K. Jerome (1859 – 1927)

CONVERSAZIONI ALL’ORA DEL TE’
di Jerome K. Jerome
IL SOLE 24 ORE
Scritto nel 1903, “Conversazioni all’ora del tè” è un brevissimo romanzo di appena una settantina di pagine, in cui la vera protagonista come recita il suo stesso titolo è la conversazione.

In un salotto inglese dei primi del Novecento si ritrovano alcuni personaggi piuttosto eccentrici.

Nessuno di loro è identificato con il proprio nome, ma piuttosto attraverso il ruolo che ricopre in società: la Donna di Mondo, la Vecchia Signorina, il Poeta Minore, la Giovane Girton, il Filosofo.

Ogni personaggio recita alla perfezione la sua parte muovendosi con grande disinvoltura su di un immaginario palcoscenico magistralmente descritto dall’autore.

Gli argomenti toccati, sorseggiando una buona tazza di tè nella più pura tradizione inglese, sono i più svariati: dall’amore alla civilizzazione, dal matrimonio al ruolo della donna nella società, dalla lettura all’arte.

Le cosiddette unità aristoteliche di luogo, tempo e azione sono perfettamente rispettate in questo breve romanzo che, sotto ogni aspetto, si rivela essere un testo idoneo ad un adattamento teatrale.

Lo stile è tipicamente inglese così come la sua ambientazione.

“Conversazioni all’ora del tè” è un romanzo ricco di humor e ironia, ma nonostante questo il testo sembra non decollare mai.

Ci sono in effetti alcune pagine molto divertenti, tra queste quelle dedicate alla storia della moglie che chiede al marito di essere amata di più, ma ottenendo ciò che tanto desidera, si sente soffocata da tante premure e alla fine chiede di essere amata di meno.

Sotto certi aspetti il romanzo sembra quasi evocare lo spirito di alcuni testi teatrali di Oscar Wilde, ma resta lontano dal raggiungerne la stessa ricercatezza e profondità.

Jerome K. Jerome scrive:

 Un libro che ci interessa veramente ci fa dimenticare che stiamo leggendo (…)

affermazione che trovo molto vera, ma forse è proprio questo l’elemento mancante che riscontro in “Conversazioni all’ora del tè”: durante la lettura non ho mai smesso di essere cosciente del fatto che io stessi leggendo un libro, non sono mai riuscita a sentirmi partecipe della conversazione, presente in quel salotto a sorseggiare il tè insieme ai personaggi del romanzo.

Jerome K. Jerome ebbe un grande successo con la pubblicazione di quello che è ritenuto dalla critica il suo capolavoro ossia “Tre uomini in barca” (1889), successo che gli diede la possibilità di guadagnare a sufficienza per potersi dedicare alla scrittura a tempo pieno, ma anche un successo che non riuscì mai più ad eguagliare con le successive opere.

Dopo la lettura di “Conversazioni all’ora del tè”, è cresciuta in me la curiosità di leggere il libro più famoso di Jerome perché, non solo mi permetterebbe di conoscerne meglio l’autore, ma mi potrebbe forse aiutare a valutare più correttamente l’opera appena letta che, come avrete capito, mi ha lasciato non poche perplessità.




            

lunedì 2 ottobre 2017

“Sogni di vetro” di Mariangela Camocardi

SOGNI DI VETRO
di Mariangela Camocardi
LEGGEREDITORE
Campagna lombarda, ottobre 1885. Virginia deve affrontare una difficile prova: comunicare all’affascinante e altero barone Vito Giordani che sta per diventare padre.

Intimorita dall’imponenza della casa del barone e raggelata dallo sguardo malevolo e dal tono inquisitorio della madre di questi, Vittoria si chiede se davvero la sua sia stata la scelta più giusta da fare
.
La giovane, non ancora maggiorenne, sa di non poter aspirare a diventare la moglie del Giordani, l’unico suo desiderio è quindi quello di trovare un luogo tranquillo dove poter portare a termine la sua gravidanza.

Una volta nato il bambino è sua intenzione, infatti, lasciare casa Giordani e provvedere lei stessa a crescere da sola il figlio.

Orfana di madre, fin da piccola Virginia è stata costretta a subire ogni genere di soprusi e angherie da parte di un padre prepotente e di un fratello tutt’altro che premuroso e attento.

Non stupisce quindi che la ragazza sia alla ricerca di un riparo accogliente per poter trascorre un periodo così difficile e particolare della propria vita.

Vito Giordani però non solo non ricorda nulla del loro intimo incontro, ma ha proprio rimosso il fatto di aver già conosciuto Virginia.

Alla festa, nella quale loro si sarebbero appartati nel giardino, egli era completamente ubriaco nonostante la ragazza non se ne fosse assolutamente resa conto.
Il fatto non stupisce ovviamente coloro  che conoscono il barone da anni perché Vito Giordani è solito sembrare perfettamente sobrio anche quando è completamente ubriaco.

Dagli equivoci nati intorno a quella sera prende quindi il via un racconto alquanto sorprendente.

“Sogni di vetro” è un vero e proprio romance e la sua autrice, Mariangela Camocardi, è una prolifica scrittrice molto conosciuta dagli appassionati del genere.

L’inizio di “Sogni di vetro” ricorda in parte la vicenda narrata nel racconto di Heinrich von Kleist intitolato “La marchesa von O.” nel quale la protagonista all’inizio del racconto mette un annuncio sul giornale per scoprire l’identità del padre del bambino che sta aspettando.

Nonostante il macchinoso e difficile svolgersi degli eventi, che culmina con la cacciata della marchesa dalla casa paterna, nel libro di von Kleist però tutto risulta più vivace e piacevole rispetto alla vicenda narrata in “Sogni di vetro”.

Nel romanzo di Mariangela Camocardi, dopo la subitanea sorpresa che confonde il lettore, il quale incuriosito dalla vicenda, non vede l’ora di giungere alla verità, la narrazione tende ad avvitarsi su stessa e assumere in alcuni tratti uno svolgersi piuttosto ripetitivo e lento della vicenda.

La trama così intrigante all’inizio tende a divenire pagina dopo pagina piuttosto artificiosa.

L’ossessivo desiderio che Vito prova per Virginia, l’ostilità e la gelosia della madre del barone nei confronti della nuora, la capacità di sopportazione che la giovane dimostra fino all’esasperazione, sono solo alcuni degli elementi che portati al parossismo, a mio avviso, appesantiscono il racconto.

Lo stile della scrittura è però piacevole e scorrevole; nessuno potrebbe negare le evidenti doti di abile narratrice proprie di Mariangela Camocardi.

Consiglierei la lettura di questo libro? Come avrete già capito, la trama del romanzo della Camocardi non mi ha convinta totalmente.
 “Sogni di vetro” è un libro ben scritto, ma la storia non mi ha appassionata come quella di altri romanzi.

Sgombero subito il campo da equivoci nel caso qualcuno pensasse che sono prevenuta sul genere romance; un paio di settimane fa mi è stato regalato un libro intitolato “Per ordine del re” di Susan Wiggs (edizione Harlequin Mondadori) e l’ho letteralmente divorato.
Il libro della Wiggs, è un romance come tanti altri, ambientato in epoca Tudor, lontano dal poter essere definito “romanzo storico”, è però un libro dalla trama accattivante e vivace, dinamica come i suoi protagonisti.

Forse quello che mi ha un po’ deluso in “Sogni di vetro” è proprio questa mancanza di dinamismo dei personaggi, ma ripeto ciò è imputabile semplicemente al mio gusto personale.




venerdì 22 settembre 2017

“Jeremy Poldark” di Winston Graham

JEREMY POLDARK
di Winston Graham
SONZOGNO
Terzo volume della saga nata dalla penna di Winston Graham che conta un totale di ben dodici volumi, “Jeremy Poldark” si apre su un momento poco felice della vita di Ross e Demelza che, ancora in lutto per la perdita della figlia Julia, sono in attesa dell’esito del processo in cui Ross dovrà rispondere dell’accusa di istigazione al saccheggio.

La situazione economica di Ross continua ad essere critica, il matrimonio tra lui e Demelza scricchiola sotto il peso delle incomprensioni e dell’incertezza mentre la scomoda presenza di Elizabeth, la donna amata e mai veramente dimenticata, non facilita alcuna distensione nell’esasperato rapporto tra lui e la moglie.

A tramare nell’ombra poi ritroviamo il nemico di sempre: George Warleggan.

Ancora una volta Demelza si dimostrerà una donna forte e combattiva, una donna capace di rispondere ai colpi avversi della sorte e sopratutto in grado di tenere testa ad un marito spesso troppo testardo e intransigente.

Quali allora le salienti novità in questo nuovo episodio letterario della saga dei Poldark?

Francis, dopo una profonda crisi che lo ha portato sull’orlo del suicidio, riesce a scuotersi e a ritrovare un po’ di fiducia in se stesso.

Il rapporto con Elizabeth sembra recuperare un qualche equilibrio seppur precario poiché lei non riesce a dimenticare del tutto il suo amore per Ross.

Francis trova finalmente il coraggio di prendere le distanze da George Warleggan pur rischiando di perdere tutto dal momento che ogni sua proprietà in realtà ormai appartiene a George.

Warleggan però segretamente innamorato di Elizabeth, non volendola condannare all’indigenza, si vede costretto ad assistere impotente al riavvicinamento tra Ross e Francis.

“Jeremy Poldark” è il libro in cui nella famiglia Poldark si prova a lasciare il passato alle spalle e a cancellare ogni incomprensione con un colpo di spugna: non solo Ross deciderà di perdonare il cugino per le sue sconsiderate azioni, ma lo stesso Francis sembrerà finalmente accettare il matrimonio della sorella Verity con il capitano Blamey tanto da non rifiutare un incontro con il cognato.

Una nuova entrata sulla scena è quella di Caroline Penvenen, un personaggio decisamente intrigante ed affascinante.

Sulle prime Caroline sembra una ragazza superficiale e snob, ma qualcosa nei suoi modi e nelle sue battute fa sorgere fin da subito nel lettore il sospetto che questo suo atteggiamento sia solo una maschera da indossare nelle apparizioni in società.

Caroline Penvenen è una giovane ereditiera in procinto di accettare la proposta di matrimonio di un squattrinato damerino in attesa di essere eletto membro del parlamento.
Il destino però metterà sulla sua strada il dottore Enys del quale lei fin da subito, sembra subire il fascino.
Per conoscere gli sviluppi della storia bisognerà attendere l’uscita del prossimo romanzo.

Veniamo ora all’inevitabile e doveroso raffronto tra il libro e il period drama tratto dall’opera.

Come ricorderete la prima serie TV aveva portato sullo schermo il primo e il secondo volume della saga dei Poldark, il racconto in questo terzo libro si interrompe a metà della seconda serie TV la cui storia si chiuderà probabilmente con il racconto del quarto volume.

La serie si mantiene, come per i primi libri, piuttosto attinente al testo letterario tranne che per piccole variazioni da imputare quasi esclusivamente ad esigenze televisive.

Come sempre nel libro le caratteristiche dei personaggi e le emozioni sono delineate e tratteggiate in maniera più chiara ed intensa.

Il dottor Dwigth Enys che nella serie tv sembra piuttosto impacciato e poco convinto nei confronti di Caroline, nel libro invece dimostra di essere molto coinvolto sentimentalmente.

Egli si trattiene non solo per la differenza dovuta al diverso ceto sociale di appartenenza, ma soprattutto perché il ricordo della triste vicenda di Keren è ancora troppo vivo in lui e la paura di commettere un altro imperdonabile errore sembra prevalere su ogni cosa.
Non riesce a dimenticare e non riesce a perdonarsi.

Osservazione simile può essere fatta analizzando la crisi coniugale tra Ross e Demelza, decisamente più profonda e articolata nel libro rispetto a quanto appare nella serie televisiva.

Nell’attesa di poter leggere il quarto volume della saga, per chi li avesse persi lascio i link dei primi due romanzi:



Buona lettura!




lunedì 18 settembre 2017

“Favole” di Victoria Francés

FAVOLE
di Victoria Francés
RIZZOLI
Victoria Francés, nata nel 1982 a Valencia, città dove ha compiuto gli studi di Belle Arti, è una famosa illustratrice che conta numerosi estimatori in tutto il mondo.

“Favole”, la sua prima opera illustrata, è una trilogia i cui racconti sono stati poi raccolti in un unico volume:

 Lacrime di pietra
 Liberami
 Gelida luce


L’edizione italiana edita da Rizzoli è una piccola perla. Un cofanetto che racchiude un’opera davvero particolare, impreziosita da una copertina malinconica e intrigante.

La storia che accompagna le bellissime illustrazioni di Victoria Francés racconta di Favole, una splendida fanciulla, che viene soccorsa da un affascinante vampiro di nome Ezequiel. 

I due si innamorano perdutamente, ma il vampiro non volendo condannare l’amata a una vita di tenebre, la caccia dal suo castello nei Carpazi.

Favole, dopo aver vagato senza meta, disperata, si suicida gettandosi in mare.

Ma per lei la pace non sopraggiunge neppure con la morte e, non riuscendo a rassegnarsi a trascorrere l’eternità senza Ezequiel, decide di mettersi in cammino per ritrovare il suo amore perduto.

Nel corso del racconto si incontrano diversi personaggi come il piccolo Sacha, l’orfana Lavernne, Marquise innamorata dell’angelo di pietra, il vampiro Abel che indicherà a Favole il cammino per raggiungere il castello.
Figure tristi e tormentate che popolano il mondo delle ombre ma che sono condannate a restare legate per l’eternità al mondo dei vivi.

Le tavole di Victoria Francés sono un tutt’uno con il racconto, si fondono con esso creando qualcosa di davvero unico e perfetto.
Spesso sono più le immagini delle parole a trasmettere al lettore la profondità e l’autenticità dei sentimenti provati dai personaggi della storia e non potrebbe essere diversamente essendo l’autrice prima di tutto un’illustratrice di eccezionale bravura.

Le immagini sono ispirate ad un mondo gotico, magico e ancestrale e sono influenzate dall’espressività dei dipinti preraffaelliti.

Il testo è invece un omaggio ad opere come “Dracula” di Bram Stoker, “Clarimonde” di Théophile Gautier, “I fiori del male” di Baudelaire, “The Lady of Shallot” di Alfred Tennyson solo per citarne alcune e di ognuna di esse viene riportato qualche frammento.

“Favole” è una storia romantica, triste e tormentata, ma nonostante tutto una favola dal lieto fine perché a nessuno si deve negare la possibilità di amare.

Adesso desidero ardentemente riunirmi al mio antico amante e con lui… raggiungere la salvezza. Così dimostrerò al mondo che anche noi reietti riusciamo ad amare…

L’edizione è curata in ogni minimo dettaglio e, a completare il volume, troviamo la bellissima storia di Neve, la ragazzina che vuole ritrovare la sua gattina morta, e un quaderno di schizzi e disegni che sono serviti nel processo della creazione di “Favole”.

La veste grafica che ricorda quasi quella di un antico grimorio, è la forma perfetta per racchiudere il racconto di un mondo fantastico ed evocativo come quello in cui si muovono Favole ed Ezequiel.


Un’edizione da collezione che gli appassionati del genere non possono assolutamente lasciarsi sfuggire anche perché sfogliare le pagine di questo volume suscita un’emozione particolare che si rinnova ogni qualvolta si torna ad aprirlo.






domenica 10 settembre 2017

“Dentro soffia il vento” di Francesca Diotallevi

DENTRO SOFFIA IL VENTO
di Francesca Diotallevi
NERI POZZA

La storia si svolge nel borgo di Saint Rhémy, un piccolo gruppo di case situato nell’Alta Valle del Gran San Bernardo, al tempo della Grande Guerra.

In un capanno nel bosco, lontano dal centro abitato, vive Fiamma, una ragazza di 19 anni dai capelli rossi come lingue di fuoco.
Dopo la morte della madre, avvenuta due anni prima, Fiamma è rimasta sola, ma questo non la spaventa, lei è avvezza alla solitudine.

Le persone del villaggio la credono una strega, ne hanno timore, ma nonostante questo non si fanno scrupolo, quando scende la notte, di recarsi da lei.
La giovane donna, come la madre prima di lei, è infatti esperta nel preparare decotti e infusi per curare qualunque tipo di male: tosse, reumatismi, infezioni, insonnia…

Fiamma si sente al sicuro nella sua casa nel bosco perché il bosco è l’unica realtà che lei davvero conosca e non può fare a meno di ricordare le parole della madre:

La gente sa essere cattiva, Fiamma. Che il destino ti risparmi questa sofferenza.

Nonostante tutto però a volte la solitudine pesa su di lei soprattutto da quando il suo migliore amico se n’è andato per sempre.
Raphael e Fiamma si erano conosciuti da bambini, quando lui un giorno aveva osato spingersi nel bosco e aveva trovato il coraggio di avvicinarsi a lei, di parlarle.
Da allora non si erano più allontanati l’uno dall’altra, legati per sempre da una profonda e indissolubile amicizia.

Mesi prima Raphael era partito per la guerra dalla quale non avrebbe più fatto ritorno se non sotto forma di spirito.

Non c’è solo Fiamma però a soffrire per l’assenza di Raphael, ma anche Yann, il fratello maggiore di Raphael, non riesce a darsi pace per quanto accaduto.
Pieno di rimorsi, il ragazzo si sente in colpa per non essere stato in grado, a causa della propria zoppia, di andare in guerra al posto del fratello.

Yann Rosset era un marronier, una delle guide incaricate di accompagnare i viaggiatori attraverso il passo del Gran San Bernardo.
Un giorno ebbe un grave incidente, la madre di Fiamma riuscì a salvargli la vita ma la sua gamba rimase offesa per sempre.

Da quel giorno Yann odia Fiamma con tutte le sue forze o almeno questo è quello che lui vuole far credere a tutti e soprattutto a sé stesso.

“Dentro soffia il vento” è un romanzo bellissimo, un romanzo capace di trasportare il lettore in un altro mondo e farlo sentire parte integrante della storia.
La scrittura pulita ed essenziale invoglia il lettore ad andare avanti preso dal desiderio di scoprire quanto prima ogni più piccolo segreto si celi tra le mura di quelle case affastellate le une alle altre.

Ogni singolo personaggio è descritto in maniera magistrale e ognuno di essi “vivendo” pagina dopo pagina fa emergere la propria personalità.

Marie che sulle prime sembra essere una ragazza superstiziosa e meschina, si rivelerà essere invece una donna intelligente e altruista, al contrario Padre Jacques confermerà la propria ottusità e, nel corso del racconto, aggraverà ulteriormente la sua posizione agli occhi del lettore apparendo sempre più inadeguato e incapace a ricoprire il proprio ruolo di uomo di chiesa.

In contrapposizione al personaggio di Padre Jacques, totalmente privo di carità cristiana, troviamo la figura di Don Agape che, come il suo nome stesso ci suggerisce, impersona invece il vero amore cristiano, un amore fraterno, disinteressato rivolto al bene del prossimo chiunque esso sia zingaro, emarginato, peccatore. 
Don Agape nonostante le proprie insicurezze e i forti dubbi che spesso lo assalgono, proprio grazie all’amore che prova per il prossimo e alla sua grande capacità di mettersi in discussione senza mai dare nulla per scontato, riesce nelle avversità a rafforzare la propria fede, a trovare la propria strada e aiutare gli abitanti a ritrovare quello spirito di comunione e fratellanza che troppo a lungo li aveva abbandonati.

E poi ci sono loro Fiamma e Yann, due personaggi destinati a rimanere a lungo nel cuore del lettore perché l’amore che si prova per loro non può estinguersi con la lettura dell’ultima pagina.

Fiamma è una ragazza forte e determinata eppure allo stesso tempo così fragile e sola.
Orgogliosa e sicura di sé nella vita di tutti i giorni, capace di affrontare freddo e privazioni senza un lamento eppure completamente inerme di fronte alla forza dei propri sentimenti che siano essi per una volpe ferita o, ancora peggio, per l’uomo che ama e che sa non potrà mai essere suo.

Yann è un ragazzo chiuso e coriaceo come il paesaggio dalle alte vette che lo circondano, incapace di lasciarsi andare e incapace di perdonarsi per non essere morto al posto di Raphael.
Odia sé stesso perché ama la stessa donna che amava il fratello.
Roso dalla gelosia e dal rimorso, cerca di indirizzare ogni sua energia per respingere i propri sentimenti, ma invano.
Come riuscire a restare impassibile dinnanzi alle parole di Fiamma:

(…) tu sei il vento che mi soffia dentro, sei colui che muove i miei passi. Se sparissi in questo momento, sparirei con te.

L’amore, quello vero, è sempre destinato a trovare la luce:

(…) fuggire non serve e a nulla. La vita troverà comunque il modo di raggiungerti e le cose è meglio affrontarle di petto che vedersele sbucare alle spalle.

E allora ecco una delle più belle immagine del libro, una descrizione così vivida da sembrare si stia svolgendo proprio davanti ai nostri occhi: Yann con le nocche spellate e il dorso delle mani pieno di graffi che stringe il cappello di lana tra le mani:

Non ti sto chiedendo di perdonare il mio egoismo. Resta con me, però. Odiami, ma resta con me. Disprezzami ogni giorno della tua vita, ma resta con me.

“Dentro soffia il vento” è un libro raro, uno di quei libri i cui personaggi sono destinati a rimanere con noi per sempre.
Un romanzo assolutamente da non perdere e a cui spero nel mio piccolo di riuscire a contribuire alla diffusione perché, credetemi, raramente si incontrano romanzi così sorprendenti.

Ancora un’ultima cosa, lasciatemi ringraziare chi ha reso possibile questo mio speciale incontro…grazie Vale per il prezioso suggerimento.



sabato 9 settembre 2017

“The Store” di James Patterson

THE STORE
di James Patterson
con Richard DiLallo
LONGANESI
Scritto da James Patterson con la collaborazione di Richard DiLallo, “The Store” racconta la storia della famiglia Brandeis.

Sotto un cielo dove sfrecciano centinaia di droni, Jacob Brandeis, braccato dalla polizia, si aggira per le strade di New York portando con sé un voluminoso cartone contenente la stampa del suo ultimo libro intitolato “2020”.
In questo clima surreale e quasi apocalittico, Jacob riesce a raggiunge la Writers Place, l’ultima grande casa editrice ancora esistente in tutta l’America, e a consegnare il manoscritto alla direttrice editoriale Anne Gutman, sfuggendo per pochi secondi alla cattura.

Il racconto a questo punto si interrompe e, con un salto temporale, riprende quando otto mesi prima, Jacob e Megan Brandeis, entrambi scrittori di professione, sono sul punto di comunicare agli amici la decisione di abbandonare la loro vecchia vita a New York per trasferirsi a New Burg in Nebraska insieme ai figli Alex (13 anni) e Lindsay (16 anni).
La coppia ha infatti deciso di accettare la proposta di lavoro offertagli da The Store.

Ma che cos’è The Store? Lontano dall’essere un semplice negozio online, The Store è il dominatore assoluto del mercato, un impero commerciale che vanta migliaia di lobbisti a Washington e una rete di agenti dediti allo spionaggio e al controspionaggio infiltrati in ogni angolo del globo.

Il mondo che Gorge Orwell aveva ipotizzato nel suo "1984" è ora diventato realtà.

L’intento dei Brandeis è proprio quello di smascherare la politica di The Store e rendere pubblica la verità.

Riusciranno nel loro intento o verranno anche loro irrimediabilmente fagocitati dal “mostro”?

Il nuovo romanzo di James Pattenson è una storia adrenalina, inquietante e travolgente.

Il tema trattato è terribilmente attuale. Forse noi non saremo ancora spiati con telecamere nelle nostre stesse abitazioni, ma la situazione è comunque allarmante.
Dai controlli ai quali siamo sottoposti, spesso per la nostra stessa incolumità, allo spionaggio sui nostri dispositivi informatici (smartphone, tablet e quant’altro), sino ai grandi monopoli tecnologici, tutto concorre nel farci comprendere che quanto Patterson descrive nel suo romanzo è una visione quanto mai realistica di un futuro neppure troppo lontano.

Per rimanere su un tema caro a noi lettori, basti pensare a quante librerie indipendenti hanno dovuto chiudere i battenti e inchinarsi dinnanzi ai colossi della vendita on-line ai quali sempre più persone si rivolgono complici la comodità della consegna, la grande disponibilità dei titoli, i prezzi convenienti.
Questo fenomeno è in continua crescita anche per ogni altro tipo di prodotto: abiti, scarpe, medicinali, viaggi…a qualunque cosa voi stiate pensando, essa è ora a portata di mouse.

I primi tempi alcuni di noi si allarmavamo quando, navigando in rete, gli venivano riproposti proprio quegli stessi prodotti che avevano sbirciato qualche giorno prima su qualche sito. Ormai però tutto quanto fa parte della routine, non ci stupiamo più di nulla.

E mentre noi ci abbandoniamo sempre più alle nostre abitudini e alle comodità, la realtà evolve velocemente verso quel mondo spaventoso e perverso che Patterson ha descritto così bene nel suo romanzo.

Questo libro crea timore e suscita ansia nel lettore non solo perché si tratta di un thriller coinvolgente e ben scritto, ma anche perché racconta una realtà quanto mai verosimile.

Il ritmo è incalzante e il racconto così carico di suspense dall’inizio alla fine che, giunti a poche pagine dal termine, ci si chiede come l’autore possa essere riuscito a scrivere una degna conclusione a quanto finora letto.
Il finale però lascerà davvero senza parole perché proporrà un magistrale e inaspettato colpo di scena.
“The Store” è una storia che si presterebbe benissimo ad una trasposizione cinematografica.

E voi cosa state aspettando? La cittadina di New Burg vi attende per darvi un caloroso benvenuto…una sola parola d’ordine: TRANQUILLITA

Buona lettura!






domenica 3 settembre 2017

“Un uomo” di Oriana Fallaci (1929 - 2006)

UN UOMO
di Oriana Fallaci
BUR Rizzoli
“Un uomo” è la storia della vita di Alekos Panagulis, eroe della Resistenza greca.

Il 13 agosto 1968 Panagulis collocò delle bombe sotto ad un ponticello sul quale sarebbe dovuta passare l’auto del militare a capo del regime, Georgios Papadopulos.
L’attentato fallì, Alekos fu catturato, interrogato e condannato a morte. La pena fu poi commutata in prigionia a vita.
Fu segregato in una cella dall’aspetto di una tomba e per cinque anni egli subì atroci torture, torture che la Fallaci descrive minuziosamente nel libro.
Nel 1973, grazie ad una amnistia, Panagulis venne graziato.
Inviata in Grecia da “L’Espresso” per un’intervista, Oriana Fallaci conobbe Alekos il 23 agosto, proprio lo stesso giorno della sua liberazione.
I due si innamorarono immediatamente dando così inizio a una tormentata relazione sentimentale che durerà fino alla morte di Panagulis.
Non senza difficoltà Alekos ottenne il permesso di lasciare la Grecia per recarsi in esilio volontario.
Dopo la fine della dittatura rientrò in patria e, eletto in Parlamento, si adoperò in ogni modo per dimostrare che il potere era ancora in mano a quegli stessi uomini che appartenevano alla deposta Giunta.
Costantemente sorvegliato, utilizzando ogni tipo di sotterfugio e spesso a rischio della sua stessa vita, Panagulis riuscì a mettere le mani sui documenti compromettenti dell’Esa.
Fu proprio per impedirgli di rendere pubblici tali documenti che, il primo maggio 1976 all’una e 58 del mattino, Alekos Panagulis venne assassinato inscenando un incidente automobilistico. Il colpevole se la cavò in appello con una multa di cinquemila dracme per omissione di soccorso.

“Un uomo” è il libro di denuncia che Panagulis avrebbe scritto se non fosse stato assassinato.
Oriana Fallaci, quella compagna che egli definì “una buona compagna. L’unica compagna possibile” accolse la sua eredità, come lei stessa dichiarò, più per un dovere morale che per un dovere sentimentale.
Lo scopo del libro era accusare quel Potere che aveva ucciso l’uomo che amava, potere che proprio nel libro viene denunciato e condannato.

“Un uomo” di Oriana Fallaci è un racconto di avventure drammatiche che, sebbene scritto sotto forma di romanzo, narra fatti realmente accaduti e ogni elemento è esposto con una ricchezza di particolari precisa e minuziosa.

Alekos Panagulis era un uomo solo, un po’ folle e ossessionato dalle proprie idee. 
Un uomo, se vogliamo, anche egoista ed egocentrico, spesso troppo schiavo della superstizione.
Ma egli credeva nella lotta per la libertà ed era, sopra ogni cosa, un uomo assetato di giustizia.
Come egli stesso ripeteva la tragedia era nata in Grecia e si “basa su tre elementi: l’amore, il dolore e la morte”. Tre elementi che tormentarono Panagulis per tutta la vita facendone proprio un eroe tragico.

Il romanzo è però anche il racconto della storia d’amore tra la scrittrice e giornalista italiana e l'eroe .
Un amore totalizzante, passionale e tormentato che Oriana Fallaci descrive in modo attento e preciso, riuscendo a trasmettere al lettore tutta l’intensità e il dolore insiti in questo sentimento che la legava a Panagulis.

Lei che non si era ma riconosciuta in una Penolope che attende il ritorno dell’eroe, ma era lei stessa abituata a essere Ulisse e come tale a comportarsi, improvvisamente si era ritrovata per quest’uomo a tradire la sua stessa natura.

Nel libro leggiamo “Ti amavo a tal punto di non poter sopportare l’idea di ferirti pur essendo ferita, di tradirti pur essendo tradita, e amandoti amavo i tuoi difetti, le tue colpe, i tuoi errori, le tue bugie, le tue bruttezze, le tue miserie, le tue volgarità, le tue contraddizioni, il tuo corpo con le spalle troppo tonde, le sue braccia troppo corte, le sue mani troppo tozze, le sue unghie strappate”.

L’amore della Fallaci per Panagulis era un amore “più forte del desiderio, più cieco della gelosia: a tal punto implacabile, a tal punto inguaribile” da non poter più nemmeno concepire la vita senza di lui.

Era il loro “un amore del genere più pericoloso che esista: l’amore che mischia le scelte ideali, gli impegni morali, con l’attrazione e coi sentimenti”.

Domenico Procacci nella prefazione al romanzo scrive “in fondo ce lo meritiamo tutti di avere qualcuno che amiamo così tanto da non preoccuparci mai che il nostro sia un amore ricambiato, qualcuno che ci possa fare accelerare il cuore e fermare il respiro chiamandoci magari da lontano, e dicendo – Sono io, sono me”.

Se ero rimasta piacevolmente colpita dalle parole di Procacci, dopo la lettura del romanzo la mia sicurezza in merito è vacillata non poco.
Non dovrebbe essere l’amore qualcosa che ci fa stare bene? Come può definirsi amore qualcosa che snatura noi stessi? Che ci fa soffrire? Si può davvero augurare a qualcuno di provare un sentimento del genere che annichilisce e stordisce, che diviene “una fatica agonizzante”?
Eppure anche una donna come la Fallaci, una donna forte e indipendente, non è riuscita a sottrarsi a questo amore malato, un amore che lei stessa ha definito “più di una malattia, un cancro”, “un problema insolubile” a cui neppure la fuga avrebbe potuto porre rimedio.

La relazione tra la Fallaci e Panagulis durò solo tre anni, ma viene naturale interrogarsi su cosa sarebbe accaduto se Alekos fosse sopravvissuto.
Forse come lui stesso disse alla sua compagna poco prima di essere assassinato, la morte è un’alleata dell’amore perché in verità “nessun amore al mondo resiste se non interviene la morte. Se vivessi a lungo, finiresti col detestarmi. Poiché morirò presto, invece, mi amerai per sempre”.